Dr.ssa Marisa Pagliuca

Blog

Condividi l'articolo su Facebook

2020-07-17
Marisa Pagliuca

Le solanacee, fanno davvero male?

Alimentazione

Amiche, cosa c'è di più buono di pane e pomodoro con un filo d'olio?

In Italia è l’ortaggio più consumato, eccellente!! Innegabile, sia sulla pizza, sia con gli spaghetti, ma dobbiamo avere delle accortezze.

Le patate, le melanzane e i peperoni sono gli alimenti che contengono queste tossine dette solanine ma, come sempre, la differenza sta nelle quantità e la frequenza con cui le mangiamo.

Quali i vantaggi nutrizionali?

Il pomodoro è un ortaggio leggero, rimineralizzante, dissetante, molto saporito. Il suo principale ingrediente è l’acqua (94%).

Fornisce energie di utilizzo immediato. Ci aiuta a contrastare l’invecchiamento cellulare e a regolarizzare l’attività del fegato controllando il livello di lipidi circolanti nel sangue.

P.S. da evitare i pomodori verdi che hanno un alto valore di solanina e quindi possono provocare un certo fastidio.

Attenzione anche alle patate. Da evitare quelle germogliate poiché la concentrazione di solanina è proporzionale al numero dei germogli e all'estensione delle parti verdi. Patate dall'aspetto vecchio, rugoso e spugnoso contengono maggiori quantità di solanina rispetto ai tuberi novelli. Anche la conservazione, che deve sempre avvenire in un luogo buio, asciutto e fresco (ma non troppo), influenza in modo importante la presenza dell'alcaloide nella patata. Per questo è da preferire il suo consumo durante il periodo della raccolta quando sono fresche e -novelle-.

Soluzioni:

se mangiamo molti cibi ricchi di solanina possiamo bere un abbondante bicchiere d'acqua tiepida a cui abbiamo aggiunto una punta di bicarbonato, mezzo limone spremuto e se l'abbiamo, anche un cucchiaino di curcuma.

Est modus in rebus (Orazio Flacco)

< Precendente

Il Riso Venere

Successivo >

Chai tè di latte facile e veloce